Zenzero in Gravidanza – sì o no?

Dall'autore: ci siamo passati! Comprendiamo la gravidanza e la genitorialità perché abbiamo un team di redattori, scrittori e consulenti che sono loro stessi genitori. E poiché sappiamo che la gravidanza può sollevare molte domande, siamo qui per te! Non esitare a lasciare un commento o contattarci se hai qualcosa che vorresti sapere.

Se sei incinta e stai cercando informazioni riguardo allo zenzero come radice fresca, polvere di radice essiccata, polvere essiccata incapsulata, estratto liquido, conservato in sciroppo o zucchero e come tè e le tue principali aree di preoccupazione probabilmente riguardano la sua tossicità per te – in quanto madre – gli effetti sullo sviluppo del feto o dell’embrione e le possibili interazioni con i farmaci.

Abbiamo condotto una ricerca bibliografica utilizzando i database Google Scholar, PubMed e Science Direct e, di seguito, cercheremo di essere quanto più attenti a rispondere a tutte le domande che potresti avere riguardo l’utilizzo di prodotti a base di zenzero in gravidanza. Menzioneremo anche le fonti, per eventuali tuoi successivi approfondimenti.

Ci teniamo subito a chiarire però una cosa: nonostante l’ampio utilizzo tra le donne in gravidanza, le informazioni sulla sicurezza dell’utilizzo dello zenzero in gravidanza sono limitate.

Quindi, oltre che a consultare esclusivamente il tuo medico per consigli ed eventuali terapie, procedere con moderazione, buon senso e attenzione quando si assume lo zenzero in gravidanza è quanto consigliamo.

Cos’è lo zenzero e come viene comunemente utilizzato

Un rizoma di zenzero tenuto in mano da una donna in gravidanza

Lo zenzero (Zingiber officinale) è una pianta tropicale originaria del sud-est asiatico e coltivata in climi caldi, principalmente in Africa, in Cina ed in India.

Il rizoma (gambo sotterraneo) della pianta è comunemente usato come spezia in cucina e sta diventando sempre più popolare come rimedio naturale grazie alle sue presunte proprietà di potenziamento del sistema immunitario, la cinetosi, la nausea ed il vomito. Lo zenzero è anche tradizionalmente utilizzato per migliorare la digestione e combattere i sintomi di febbre e raffreddore.

Il rizoma di zenzero contiene due classi principali di costituenti: gli oli essenziali responsabili dell’aroma, e i principali principi pungenti, i gingeroli e gli shogaoli.

I principali componenti degli oli essenziali presenti nello zenzero includono canfene, sabinene, α-curcumene, zingiberene, α-farnesene, β-sesquifellandrene e geraniale.

Le concentrazioni di gingerolo e shogaolo differiscono a seconda della preparazione e della lavorazione

Esistono anche prove che lo zenzero possa essere efficace contro il mal di mare e la nausea mattutina in gravidanza. Tuttavia, è importante consultare il proprio medico prima di utilizzare lo zenzero in gravidanza, in quanto potrebbe comportare un aumento del rischio di aborto spontaneo se assunto in quantità eccessive.

Proprietà nutrizionali dello zenzero, valide in gravidanza ma non solo

Lo zenzero durante la gravidanza offre numerosi benefici grazie alle sue proprietà nutrizionali. Questa radice speziata è ricca di vitamine e minerali essenziali per sostenere la salute della madre e il corretto sviluppo del feto.

Ecco alcune delle proprietà nutrizionali dello zenzero:

  • Lo zenzero contiene vitamina C, che aiuta a rafforzare il sistema immunitario e proteggere la madre e il feto da malattie e infezioni.
  • Lo zenzero è una buona fonte di vitamine del gruppo B, che sono importanti per la formazione delle cellule e il corretto sviluppo del sistema nervoso del bambino.
  • Lo zenzero è ricco di minerali come il calcio, che aiuta a costruire le ossa del feto, e il ferro, che previene l’anemia in gravidanza e lo sviluppo di problemi ematici nel feto.
  • Lo zenzero contiene antiossidanti che aiutano a combattere lo stress ossidativo e proteggere le cellule del corpo.

È importante notare che le quantità esatte di nutrienti possono variare a seconda della varietà e della provenienza dello zenzero. Pertanto, per massimizzare i benefici nutrizionali è consigliabile scegliere zenzero fresco e di alta qualità.

Uso tradizionale dello zenzero in gravidanza: effetto antinausea e anti vomito

Lo zenzero è stato tradizionalmente utilizzato per alleviare la nausea e il vomito, sia durante la gravidanza che in altri contesti.

Si è sempre pensato che l’assunzione di zenzero possa ridurre i sintomi di nausea, in particolare la nausea mattutina comune nelle prime fasi della gravidanza, e di vomito.

Uno studio ha suggerito anche un possibile effetto antinausea dello zenzero sia superiore a quello della vitamina B6, ma non paragonabile per quanto riguarda l’effetto antivomito: lo zenzero sarebbe meno efficacie della vitamina B6. Tuttavia, ulteriori ricerche sono necessarie per confermare questi risultati: il risultato di questo studio potrebbe essere stato distorto dalla somministrazione di una dose subottimale di vitamina B6 oltre che da importanti limiti metodologici.[1]

Dosaggio dello zenzero in gravidanza

Quando si tratta di assumere zenzero durante la gravidanza, è importante essere consapevoli del dosaggio corretto. La quantità di zenzero consigliata può variare a seconda delle esigenze individuali e delle raccomandazioni del proprio medico. Tuttavia, ci sono alcune indicazioni generali da seguire per un uso sicuro.

  • Per ridurre i sintomi di nausea, è consigliabile assumere da 1,1 a 1,5 grammi di zenzero al giorno.
  • È preferibile suddividere la dose giornaliera in piccoli quantitativi e assumerla durante il giorno.
  • Si consiglia di iniziare con una quantità inferiore e gradualmente aumentare la dose, monitorando attentamente la risposta del proprio corpo.

Sicurezza dell’uso dello zenzero in gravidanza

zenzero in gravidanza controindicazioni

Raccomandazioni del Ministero della Salute

Secondo il Ministero della Salute, lo zenzero è tra i trattamenti non farmacologici efficaci per la riduzione di nausea e vomito, ma la sua sicurezza in gravidanza non è stata accertata. [1]

Raccomandazioni della FDA americana

Lo zenzero è riconosciuto come sicuro dalla FDA, ed è venduto come integratore alimentare anche per la gravidanza senza particolari prescrizioni.

Raccomdazioni in Finlandia

Evira, ossia l’autorità finlandese per la sicurezza alimentare, ha emesso una raccomandazione contro l’uso di prodotti contenenti concentrato o estratto di zenzero, tè allo zenzero e integratori alimentari contenenti zenzero da parte di donne incinte e che allattano.

Altre controindicazioni dell’uso di zenzero in gravidanza

A parte le raccomandazione di carattere generale specifiche per la gravidanza , è importante consultare il proprio medico prima di utilizzare lo zenzero durante la gravidanza in quanto:

  • potrebbero esserci controindicazioni o interazioni con altri farmaci;
  • alcune donne potrebbero avere condizioni mediche preesistenti, come calcoli biliari o disturbi intestinali, che potrebbero rendere l’uso di zenzero non consigliato. Se si hanno calcoli biliari, l’uso di zenzero potrebbe causare problemi aggiuntivi. Lo zenzero può stimolare la produzione di bile e aumentare la contrazione della colecisti, il che potrebbe causare dolore o disagio. Le persone con disturbi intestinali come il colon irritabile potrebbero avvertire un’aggravamento dei sintomi dopo l’assunzione di zenzero. Questo perché lo zenzero può avere un effetto stimolante sul sistema digestivo. L’uso di zenzero potrebbe irritare la mucosa gastrica e causare un aumento dell’acidità, che potrebbe peggiorare le ulcere gastriche esistenti.

Pertanto, è fondamentale parlare con il proprio medico per valutare i rischi e i benefici individuali.

Attenzione alla quantità

È importante ricordare che l’assunzione di zenzero in dosi eccessive potrebbe comportare rischi per la salute della madre e del bambino. Non superare mai le dosi raccomandate senza la supervisione medica. L’automedicazione può comportare conseguenze indesiderate e, pertanto, è fondamentale consultare il proprio medico prima di apportare qualsiasi modifica alla dieta o all’assunzione di integratori durante la gravidanza.

Considerazioni finali

Pur essendo lo zenzero un rimedio naturale tradizionale con potenziali benefici durante la gravidanza, è fondamentale prendere in considerazione anche gli aspetti legati alla sicurezza alimentare.

Questo articolo si basa su studi e ricerche scientifiche, ma è sempre meglio affidarsi a professionisti qualificati per un’analisi accurata e personalizzata della propria situazione: ogni donna è unica e potrebbe richiedere dosi personalizzate in base alle proprie condizioni di salute e alle esigenze individuali.

Seguire sempre le raccomandazioni del medico e prestare attenzione a eventuali segni o sintomi che potrebbero indicare una reazione avversa.

Link alle fonti

1.Gravidanza Fisiologica. https://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1436_allegato.pdf

2. The potential effects that ginger and ginger supplements may have
during pregnancy and lactation.

https://cot.food.gov.uk/sites/default/files/2021-05/TOX-2021-26%20Safety%20of%20Ginger%20Use%20in%20Pregnancy.pdf

Lascia un commento