Cardioaspirina in gravidanza

Dall'autore: ci siamo passati! Comprendiamo la gravidanza e la genitorialità perché abbiamo un team di redattori, scrittori e consulenti che sono loro stessi genitori. E poiché sappiamo che la gravidanza può sollevare molte domande, siamo qui per te! Non esitare a lasciare un commento o contattarci se hai qualcosa che vorresti sapere.

GravidanzaFarmaci ed integratori in gravidanza › Cardioaspirina in gravidanza
Aggiornato il: [lmt-post-modified-info]
Di Gravidanza360

L’Aspirina è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS).

La Cardioaspirina è una delle formulazioni dell’Aspirina, insieme all’Aspirinetta. La differenza fra le tre formulazioni sta nel dosaggio del principio attivo (acido acetilsalicilico) e, fra Aspirinetta e Cardioaspirina, nella presenza di un gastroprotettore nella seconda.

La Cardioaspirina viene spesso utilizzata come un fluidificante del sangue per aiutare a prevenire gli infarti e l’ictus. Viene utilizzata anche in gravidanza per prevenire una condizione chiamata pre-eclampsia: aa si prende a partire dalla 12° settimana in poi e fino alla fine della gravidanza. Viene talvolta prescritta dai cd centri di fertilità alle donne sottoposte ai loro trattamenti per fertilità (IVF- fecondazione in vitro) ed alle donne che hanno avuto più aborti consecutivi.

Prendere la Cardioaspirina in gravidanza è sicuro?

Non ci sono prove che l’assunzione in gravidanza di Cardioaspirina possa danneggiare il bambino: per alcune donne potrebbe addirittura essere raccomandata (vedi sopra).

Tuttavia nel corso della gravidanza dovresti assumere Cardioaspirina solamente se ti viene consigliata dal medico o dall’ostetrica.

Prendere la Aspirina in gravidanza è sicuro?

Non ci sono valide prove che assumere aspirina a dosi standard all’inizio della gravidanza causi danni al futuro bambino. Tuttavia l’utilizzo dell’aspirina a dosi standard non è consigliato dopo le 30 settimane in quanto può avere delle influenze sul feto.

Per questo motivo in gravidanza, per controllare il dolore o la febbre, viene raccomandato il paracetamolo. Se questo farmaco non dovesse lenire il dolore, prima di assumere l’aspirina a dosaggio standard o un qualsiasi altro farmaco antinfiammatorio (incluso l’ibuprofene) è bene chiedere consigli al medico.

Quali problemi potrebbe causare al mio bambino l’assunzione di Aspirina a dosaggio standard dopo le 30 settimane di gravidanza ?

L’assunzione di aspirina a dosaggio standard come pure l’assunzione di altri farmaci antinfiammatori come l’ibuprofene possono incidere sulla circolazione del bambino, e causare una riduzione dei livelli di liquido amniotico. Un basso livello di liquido amniotico può causare problemi ai polmoni e agli arti del bambino.

Ove possibile, durante il terzo trimestre di gravidanza si deve evitare l’aspirina a dosaggio standard (ad es. per trattare il dolore o la febbre). Eventuali dubbi li si possono discutere col proprio medico.

Ci sono dei rischi per il bambino se il padre ha preso l’aspirina?

Non ci si deve aspettare alcun maggior rischio per il bambino se il padre avesse preso l’Aspirina prima, o intorno, al momento in cui è stato concepito.

Con chi posso parlare se avessi domande da porre?

Se hai delle domande relativamente all’Aspirina in gravidanza, devi discuterne col tuo medico curante.

I farmaci in gravidanza

La maggior parte delle medicine assunte dalla madre attraversa la placenta e raggiunge l’embrione (o il feto). A volte questo fatto può avere anche effetti benefici per il bambino.

Esistono tuttavia alcuni farmaci che possono danneggiare il suo normale sviluppo.

L’effetto di un qualsiasi medicinale sul bambino può dipendere dallo stadio della gravidanza in cui viene assunto. Se stai assumendo regolarmente dei farmaci, dovresti discutere circa i loro possibili effetti col tuo medico/team sanitario, possibilmente ancor prima di rimanere incinta.

Se in gravidanza ti viene suggerito un nuovo medicinale, assicurati che il medico o l’operatore sanitario siano a conoscenza di questa tua condizione.

Ogni gravidanza è unica. La decisione d’iniziare, d’interrompere, di continuare o di modificare l’assunzione di un medicinale prescritto prima, o durante, la gravidanza dev’essere presa accordo col proprio medico curante.

È molto utile registrare nei registri di maternità portatili tutti i farmaci assunti durante la gravidanza.

Riferimenti bibliografici
  1. bumps – best use of medicine in pregnancy. Medicinesinpregnancy.org. Published 2020. Accessed August 24, 2021. https://www.medicinesinpregnancy.org/Medicine–pregnancy/Aspirin/

Leggi anche: