Sesta settimana di gravidanza: sviluppo embrionale e consigli utili

Dall'autore: ci siamo passati! Comprendiamo la gravidanza e la genitorialità perché abbiamo un team di redattori, scrittori e consulenti che sono loro stessi genitori. E poiché sappiamo che la gravidanza può sollevare molte domande, siamo qui per te! Non esitare a lasciare un commento o contattarci se hai qualcosa che vorresti sapere.

La sesta settimana di gravidanza è un periodo significativo nel quale si osservano cambiamenti evidenti nel fisico femminile, inclusa l’insorgenza di nuove rotondità. In questa fase, non è raro sperimentare sintomi come la nausea mattutina, che può rappresentare una sfida per molte future madri. Approcci diversificati sono stati proposti per mitigare tale disturbo, tra cui l’utilizzo dello zenzero, noto per le sue proprietà antiemetice. Sebbene molte donne trovino sollievo con prodotti naturali come le caramelle allo zenzero, il loro effetto può variare significativamente in funzione della quantità consumata e non vi è unanimità nella comunità scientifica riguardo la loro efficacia e sicurezza durante la gravidanza.

Le alternative per contrastare la nausea includono dispositivi come i braccialetti anti-nausea, basati su principi della medicina tradizionale cinese e finalizzati alla stimolazione di specifici punti di pressione. Nonostante siano facilmente reperibili sul mercato, anche online, le evidenze scientifiche a loro favore non sono univoche, con studi che riportano risultati variabili. Di fronte all’assenza di soluzioni garantite, la strategia più consigliabile è quella di consultare un ginecologo o un professionista sanitario per personalizzare il trattamento sulla base delle proprie condizioni e tenendo conto di un attento bilanciamento tra rischi e benefici.

Progresso dell’embrione alla sesta settimana di gestazione

Alla sesta settimana, l’embrione attraversa una fase di rapida crescita e sviluppo. La dimensione aumenta notevolmente, passando da 2-4 millimetri fino a 5-6 millimetri in lunghezza.

Caratteristiche evolutive:

  • Sviluppo cardiovascolare: Il cuore inizia il suo battito, un segnale vitale che può essere osservato usando un’ecografia transvaginale.
  • Formazione del viso: Iniziano a delinearsi le strutture facciali primarie, incluso lo sviluppo delle narici e delle aree oculari.
  • Sviluppo degli arti: I primi segni degli arti superiori e inferiori emergono come piccole escrescenze.

A questi cambiamenti fisici si accoppia l’evoluzione del sistema nervoso:

  • Chiusura del tubo neurale: Fondamentale per la formazione del cervello e della spina dorsale, inizia a sigillarsi.
  • Proliferazione neuronale: Le cellule nervose si moltiplicano velocemente, indicando un’intensa attività nel sistema nervoso.

Mutamenti fisici nella sesta settimana di gravidanza

Nella sesta settimana di gestazione, la donna può notare dei mutamenti significativi nel proprio corpo. Gli ormoni, in particolare l’aumento del beta-HCG, giocano un ruolo cruciale nel mantenimento della gravidanza e possono indurre sintomi come nausea e affaticamento. Ecco alcune trasformazioni comuni:

  • Seno: diventa più sensibile e può aumentare di volume, preparandosi per l’allattamento.
  • Pancione: potrebbe emergere un lieve rigonfiamento addominale, variabile da donna a donna.
  • Cambios di Peso: è possibile osservare un aumento di peso, con conseguente adattamento nell’abbigliamento.

Durante questa fase è essenziale che la madre segua uno stile di vita sano e si sottoponga a controlli periodici per assicurare lo sviluppo ottimale del bambino.

Per garantire comfort e supportare i cambiamenti fisici, può essere utile considerare:

  • Appositi indumenti premaman.
  • Accessori come cuscini premaman, che variano da modelli mini a total body.

Va tenuto presente che la percezione dei primi movimenti fetali, conosciuti anche come “primi calci”, in genere si verifica più avanti nella gravidanza, mentre in questa fase si assiste a una crescita costante del feto.

La sesta settimana è dunque una tappa significativa, che segna l’inizio di una serie di evoluzioni notevoli nel corpo femminile, proprio mentre il bambino continua il suo sviluppo nel grembo materno.

Controlli e analisi nella sesta settimana di gestazione

A sei settimane di gestazione, si raccomanda una serie di valutazioni mediche volte a monitorare il benessere di madre e figlio. Tra queste procedure si include:

  • Ecografia transvaginale: Questo esame è cruciale per confermare la localizzazione dell’embrione nell’utero e per escludere casi di gravidanze ectopiche. Permette inoltre di visualizzare il battito cardiaco del bambino e di definire il numero di embrioni, aspetto chiave nella determinazione della data presunta del parto.

  • Analisi delle urine: Questo controllo mira a rilevare infezioni del tratto urinario e potenziali segnali di preeclampsia, identificabile dalla presenza di proteine nelle urine. La tempestività nella diagnosi è fondamentale per tutelare la salute sia della madre che del bambino.

  • Esami del sangue: Si effettua un esame completo che include la determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh materno. In caso di Rh negativo, è necessaria la ricerca di anticorpi anti-Rh. Viene inoltre misurato il livello di HCG, indicativo dell’età gestazionale.

Durante la visita medica, è indispensabile lo screening per malattie infettive come:

  • Toxoplasmosi
  • Rosolia
  • HIV
  • Sifilide

La trasmissione di queste infezioni in fase gestazionale può avere impatti negativi sullo sviluppo fetale e sulla gravidanza. L’importanza di queste analisi sta nell’abilitare interventi precoci e mirati.

Un dialogo costante con il ginecologo è fondamentale per affrontare dubbi e preoccupazioni, contribuendo al migliore esito possibile per la salute della madre e del futuro nascituro. Incoraggiare la comunicazione presso il consultorio, l’ospedale o la clinica specializzata è un aspetto vitale nella cura prenatale.

Ecografia

Nelle prime fasi della gravidanza, si realizza un’ecografia tra la sesta e la settima settimana. In questa fase iniziale, l’ecografia trasnvaginale è il metodo più comune per osservare lo sviluppo embrionale. Mediante questa tecnica, gli esperti sono in grado di identificare i due maggiorni elementi embrionali: il cuore e la regione cefalica, che origina dall’estremità superiore del tubo neurale.

Durante l’analisi ecografica, i medici pongono attenzione ai seguenti aspetti:

  • Progresso cardiaco: Benché il cuore dell’embrione non sia ancora completamente formato, è possibile, se fortunati, osservare e ascoltare il battito cardiaco, il quale si situa tra i 90-110 battiti al minuto. Nel corso della gravidanza, questo valore aumenterà progressivamente fino a raggiungere un picco di 175-180 battiti al minuto, per poi stabilizzarsi fra i 120-160 battiti. Se il battito cardiaco non è discernibile alla sesta settimana, un successivo controllo ecografico, praticato dopo 3-7 giorni, può generalmente confermarne la presenza.

  • Conta degli embrioni: Grazie all’ecografia, è possibile distinguere il numero di embrioni fin dalle prime fasi mostrando se vi sia una gravidanza singola o multipla. Gravidanze gemellari costituiscono circa l’1-2% di tutte le gravidanze. Tuttavia, talvolta sei settimane possono non essere sufficienti per un’identificazione precisa.

  • Collocazione: L’esame ecografico permette di valutare la posizione dell’embrione all’interno dell’utero, verificando se sia localizzato nella parte alta o bassa o, nei casi di gravidanza extrauterina, al di fuori dell’utero, condizione che richiede un’attenzione particolare poiché risulta rischiosa per la donna incinta.

  • Misurazione: La dimensione dell’embrione viene misurata per confermare o adeguare la data prevista del parto.

  • Sacco vitellino: Durante queste settimane, è visibile anche il sacco vitellino all’interno del sacco gestazionale. Assimilabile a un piccolo palloncino, le sue dimensioni e conformazione sono importanti indicatori dello stato di salute della gravidanza.

Le sezioni che seguiranno affronteranno sintomi tipici della sesta settimana di gestazione e le potenziali complicanze insorgibili in questo periodo.

Sintomi

Durante la gestazione, il corpo della donna attraversa diverse modifiche che possono portare a una serie di segnali clinici. Non tutte le future madri sperimenteranno la totalità di questi segnali, e la loro intensità può variare da individuo a individuo.

Alterazioni dell’appetito possono verificarsi come desiderio insistente per certi alimenti o rifiuto di altri, talvolta accompagnato da nausea. Queste sensazioni possono essere spesso legate alla ipersensibilità olfattiva. La stanchezza si manifesta frequentemente, dovuta a cambiamenti della pressione arteriosa e a una maggiore richiesta energetica dell’organismo.

Segnali di inizio gravidanzaNote
NauseaPuò presentarsi con o senza vomito
Modificazioni del sonnoInsonnia o difficoltà a dormire possono insorgere
Variazioni umoraliCambiamenti emotivi, inclusi umore mutevole e sensibilità
Sintomi gastrointestinaliGonfiore, bruciore di stomaco, indigestione
Cambi fisiciSensibilità mammaria, produzione di muco cervicale
Urinazione frequentataA causa dell’aumentata pressione sulla vescica
Calo della pressione arteriosaPuò causare stanchezza e vertigini

In casi più rari, si possono avere segnali come emorroidi, prurito sulla pelle di addome, petto e gambe, e un aumento della pressione nel retto derivante dall’espansione uterina. Altre condizioni come dolori articolari, vampate e una sete eccessiva possono sorgere; quest’ultima deve essere monitorata, in quanto potrebbe segnalare alterazioni del metabolismo glucidico.

È importante notare che una minoranza di donne non potrebbe avvertire significativi cambiamenti durante i primi mesi. In presenza di sintomi gravi o dubbi, è sempre consigliato consultare un medico. Rivolgendosi alle donne in attesa, si consiglia di ascoltare il proprio corpo e di prediligere un adeguato riposo e gestione dello stress per alleviare i sintomi e mantenere uno stato di salute ottimale.

Nutrizione nella sesta settimana di gestazione

Durante questa fase cruciale della gravidanza, è vitale assicurarsi che la dieta della futura madre sia ricca e bilanciata per supportare il corretto sviluppo del bambino. Si evidenzia l’importanza di alcuni elementi chiave:

Vitamine essenziali:

  • Acido folico: Consumare 400 microgrammi al giorno per prevenire anomalie del tubo neurale. Si trova in verdure a foglia verde, legumi, e cereali integrali. Integrazioni potrebbero essere raccomandate.

Proteine e Sviluppo:

  • Proteine: Necessarie per lo sviluppo degli embrioni e per la crescita di nuovi tessuti materni. Fonti qualificate includono carne magra, pesce, uova e legumi.

Carboidrati e Energia:

  • Carboidrati complessi: Preferire i cereali integrali per un rilascio prolungato di energia.
  • Carboidrati semplici: Limitarli per evitare fluttuazioni glicemiche.

Grassi sani e Sviluppo cerebrale:

  • Grassi monoinsaturi e polinsaturi: Utili per lo sviluppo del sistema nervoso del bambino. Optare per olio d’oliva e pesce grasso.

Minerali per la salute materna e fetale:

  • Ferro: Previene l’anemia e zucca la crescita cognitiva del bambino. Presente in carne rossa, legumi e verdura a foglia verde.
  • Calcio: Fondamentale per la formazione dello scheletro del feto e mantenersi in salute. Trovabile in latte, derivati e semi oleosi.

Idratazione:

  • Bere almeno 2 litri di acqua al giorno per mantenere il volume ematico e combattere la stitichezza.

La dieta della madre dovrebbe includere una gamma ampia di cibi per coprire tutti i gruppi alimentari. È consigliabile consultare un esperto per un regime alimentare su misura.

Attività fisiche nella fase iniziale della gravidanza

Nella sesta settimana di gestazione, continuare a mantenere un livello adeguato di attività fisica risulta benefico per la gestante, a patto che vengano seguite alcune linee guida specifiche. Esercizi moderati possono giocare un ruolo positivo nel mitigare disturbi quali la nausea e nell’incrementare le energie, contribuendo parimenti ad un migliore riposo notturno.

Esistono varie forme di esercizio adatte a questo particolare periodo:

  • Yoga prenatal: contribuisce a rafforzare la muscolatura dorsale e diminuire le tensioni senza imporre sforzi eccessivi.
  • Pilates: svolge un’azione simile a quella dello yoga in termini di potenziamento muscolare e alleviamento tensioni.
  • Camminata: è consigliata per il bassissimo impatto su colonna vertebrale e articolazioni.

Si raccomanda di evitare attività che possano esporre a un rischio elevato di cadute o lesioni, quali ciclismo, sci e equitazione. Allo stesso modo, vanno evitati sport che comportano un’elevata pressione addominale o sono di alta intensità.

Un’opzione particolarmente indicata è l’idroterapia:

  • Nuoto: tonifica i muscoli senza affaticamenti eccessivi e favorisce la circolazione pregno di vantaggi quali il miglioramento del ritorno venoso e la riduzione degli edemi agli arti inferiori.

È fondamentale prestare attenzione alle proprie sensazioni corporee:

  • In caso di dolore o eccessiva fatica, è essenziale riposarsi.

La consultazione con un professionista sanitario è imprescindibile:

  • Il dialogo con il medico o l’ostetrica rimane un punto cruciale per accertare la compatibilità delle attività fisiche scelte con la salute della madre e del bambino.

Le pratiche fisiche devono essere sempre misurate e non generare affaticamento:

  • Qualsiasi attività fisica durante la gravidanza non deve condurre a spossatezza, tenuto conto dell’incremento della fisiologica attività cardiaca in questo periodo.

Aderire a una routine di esercizi durante questa fase gestazionale è opportuno solo se si agisce con responsabilità e sotto la guida del proprio medico. La salute propria e del bambino è sempre la priorità assoluta.

Complicazioni da monitorare

In questo periodo specifico, vi sono alcuni sintomi a cui prestare attenzione:

  • Dolore pelvico intenso: Se si manifesta, specialmente se accompagnato da perdita di sangue, è importante consultare un medico.
  • Mal di schiena o dolore addominale acuto: Può essere indice di problemi renali o infezioni delle vie urinarie.
  • Sanguinamento abbondante con coaguli: Questo sintomo richiede attenzione medica immediata.
  • Perdite vaginali di colorazione insolita: Sia perdite giallastre o marroni, sia perdite grigie o bianche maleodoranti, potrebbero indicare un’infezione.
  • Febbre sostenuta per oltre un giorno: Un aumento prolungato della temperatura corporea merita valutazione medica.

Se si verificano questi sintomi, si possono prendere farmaci antidolorifici consigliati dal medico per il sollievo temporaneo, ma non sostituiscono la necessità di una consulenza professionale.

Ruolo del padre e della famiglia durante il sesto periodo gestazionale

Nella sesta settimana di gravidanza, la presenza del padre assume un’importanza significativa per il benessere della madre e dello sviluppo del feto. La madre può incontrare sintomi quali nausea e stanchezza a causa delle trasformazioni ormonali. Il contributo del padre, mediante supporto morale e pratico, offre rassicurazione:

  • Supporto emotivo: fornire conforto e rassicurazione per attenuare ansie.
  • Promozione di stili di vita sani: consigliare una dieta equilibrata e incoraggiare l’esercizio moderato.
  • Assistenza agli appuntamenti medici: accompagnare la madre ai controlli periodici per monitorare la crescita del feto.

Non solo il padre, ma anche la famiglia giocano un ruolo critico:

  • Aiuto pratico: membri della famiglia possono partecipare alle attività quotidiane, riducendo lo stress della madre.
  • Creazione di un clima positivo: condividere la gioia per il futuro nascituro aiuta a mantenere un ambiente familiare sereno, influendo positivamente sulla madre.

È inoltre fondamentale che il padre sia presente durante i momenti chiave:

  • Costruzione del legame con il nascituro: partecipare all’ascolto dei battiti cardiaci del feto e alle ecografie per sviluppare un rapporto empatico sin da subito.

Questo è il periodo in cui avviene un’intensa creazione del legame affettivo tra i genitori e il loro futuro bambino, e il coinvolgimento attivo del nucleo familiare è essenzialmente favorevole per la madre e il bambino che sta crescendo.

Suggerimenti per il sesto mese di gravidanza

Durante la sesta settimana di gestazione, si pone grande attenzione alla nutrizione e alla cura della pelle. È il momento in cui supplementi nutrizionali e prodotti per la cura corporea diventano fondamentali.

Integratori Nutrizionali

  • Acido Folico: Fondamentale nella prevenzione di difetti al tubo neurale, si raccomanda un dosaggio quotidiano di 400 mcg, con un aumento fino a 4.000 mcg per chi ha già vissuto gravidanze con complicanze neurali.
  • Ferro: Imprescindibile per evitare anemia in gravidanza.
  • Omega-3 DHA: Cruciale per lo sviluppo del sistema nervoso e la vista del feto.
  • Iodio: Un apporto adeguato previene disturbi nello sviluppo neurologico del bambino.

Si sottolinea l’importanza di consultare un operatore sanitario prima di iniziare l’assunzione di qualsiasi integratore.

Prodotti per la Cura della Pelle

  • Creme Antismagliature: Ingredienti chiave come collagene, elastina e vitamina E sostengono l’idratazione e l’elasticità della pelle.
  • Creme Idratanti per il Seno: Per combattere secchezza e prurito e prevenire smagliature al seno, si raccomandano prodotti con aloe vera o burro di karité.

L’utilizzo di questi prodotti supporta lo sviluppo fetale e il benessere materno. Resta inteso che essi non sostituiscono un’alimentazione equilibrata; è pertanto essenziale il parere di un professionista della salute.

Alcune cose utili da sapere

Durante la sesta settimana di gestazione, può iniziare a manifestarsi una maggiore sensibilità olfattiva, portando talvolta a episodi di nausea anche in risposta a odori comuni, come quello del caffè. Inoltre, è possibile che si verifichino i primi movimenti embrionali, benché siano troppo lievi per essere percepiti.

Nel caso di gravidanze gemellari, il livello più alto di ormoni può acutizzare ulteriormente le nausee. È interessante notare che in questa fase, il piccolo essere in sviluppo presenti una coda, che andrà via man mano che il bambino cresce e oltre alla testa che inizia a definirsi, la quale appare sproporzionata rispetto al resto del corpo, un aspetto che potrà rimanere nei primi due anni di vita del bambino.

Consigli e accorgimenti:

  • Calendario di gravidanza: Tenere traccia dello sviluppo e dei cambiamenti corporei.
  • Preparazione al parto: Iniziare a informarsi sui corsi disponibili e le tecniche di respirazione.
  • Allattamento al seno: Leggere degli articoli o frequentare seminari per prepararsi a questa fase importante post-parto.
  • Supporto psicologico e sociale: Condividere esperienze con altre future madri per un sostegno reciproco.

Per chi soffre di insonnia, la melatonina può essere utile; tuttavia, è sempre raccomandato discuterne con il proprio medico prima di assumere qualsiasi integratore.

Consigli per una gravidanza serena

Durante la sesta settimana, è consigliabile programmare la prima visita ginecologica per la creazione di una cartella ostetrica personale che includa la storia familiare e preveda una serie di controlli periodici. È importante tenere monitorata la pressione arteriosa e identificare eventuali rischi specifici sia per la madre che per il feto.

Alimentazione e stili di vita:

  • Eliminare il fumo e l’alcol dalla propria routine quotidiana.
  • Preferire alimenti ad alto contenuto di acido folico e vitamina C, come verdure e frutta.

Salute e precauzioni:

  • Stare lontano da tossine, insetticidi e sostanze stupefacenti.
  • Informare i sanitari della propria condizione prima di sottoporsi a qualsiasi procedura medica, inclusi i raggi X.

Esercizio fisico e benessere psicologico:

  • Praticare attività fisica moderata, adatta al contesto della gravidanza.
  • Consultare il proprio medico prima dell’assunzione di farmaci ansiolitici.

Rischi e prevenzione:

  • Attenzione agli alimenti consumati per prevenire il rischio di toxoplasmosi.
  • Evitare il contatto con le lettiere dei gatti per la medesima ragione.

Tabù e stigma associati alla maternità: strategie di gestione

Durante il periodo gestazionale, la donna attraversa molteplici trasformazioni sia fisiche che psicologiche. Tali cambiamenti possono generare stress e ansia, aggravati da tabù e stigma sociali. Di seguito, strategie mirate a gestire queste criticità:

Salute sessuali: Contrariamente a idee radicate, l’attività sessuale non nuoce al corso della gravidanza se non vi sono complicanze mediche. Gli operatori sanitari devono incoraggiare il dialogo aperto per dissipare preoccupazioni.

Percezione del corpo in gravidanza: Spesso idealizzata o fonte di imbarazzo, l’immagine del corpo gravido può creare insicurezza. È essenziale che le donne possano esporre le proprie ansie senza temere giudizi e ottenendo sostegno adeguato.

Supporto psicologico: Disturbi come ansia prenatale e depressione post-partum sono comuni ma sottostimati. Valorizzare il supporto psicologico permette alle future madri di affrontare tali sfide con maggiore serenità.

Comunicazione con il medico: Un rapporto sincero e aperto con il proprio medico è fondamentale per confutare miti e ottenere informazioni valide per un’esperienza gestazionale più tranquilla.

Educazione sessuale: Integrare l’educazione sessuale nell’ambito formativo giovanile per trasmettere informazioni adeguate e contrastare fraintendimenti legati alla maternità.

Aumentare la consapevolezza: Promuovere una maggiore conoscenza delle problematiche psicologiche gestazionali aiuta a formare una società più empatica e di sostegno nei riguardi delle donne incinte.

Le strategie proposte mirano a un’esperienza materna positiva e informata, riducendo l’impatto di tabù e stigma sociali.

Gestione positiva delle incertezze e apprensioni nelle prime sei settimane di gravidanza

La gravidanza è un periodo di grandi cambiamenti e, nelle prime sei settimane, è comune per le future madri sperimentare un’alternanza di stati d’animo, oscillando tra felicità e preoccupazione.

Riduzione del rischio di aborto spontaneo:

  • Incidono positivamente:
    • Uno stile di vita equilibrato
    • L’astensione da alcol e fumo
    • Un’alimentazione bilanciata
    • Esercizio fisico moderato

Dopo la sesta settimana, la probabilità di aborto spontaneo si riduce marcatamente. Adottare abitudini sane è fondamentale per mantenere la gravidanza sicura.

Gestione delle nausee mattutine:

  • Caratteristiche:
    • Comuni e normali segnali ormonali
    • Associate agli aumenti di HCG e progesterone
  • Azioni consigliate:
    • In caso di nausea intensa o prolungata, consultare il medico per trattamenti appropriati

I disturbi quali le nausee mattutine rientrano nella normalità fisiologica, eppure, se l’intensità delle stesse superasse la norma, è raccomandato il consiglio medico per opzioni terapeutiche sicure.

Accettazione dei cambiamenti fisici:

  • È naturale che il corpo subisca delle trasformazioni durante il processo gestazionale.
  • Considerare i cambiamenti corporei come:
    • Indicatori di un’evoluzione positiva della gravidanza
    • Manifestazioni dell’unicità dell’esperienza materna

Riconoscere e accogliere con serenità i cambiamenti fisici aiuta a vivere l’esperienza della gravidanza in maniera più positiva.

È utile affrontare i dubbi e le paure attraverso una corretta informazione, praticando uno stile di vita salubre e abbracciando i mutamenti del corpo come elementi essenziali della meravigliosa trasformazione che anticipa la nascita.

Domande frequenti

Sintomatologia comune nella sesta settimana di gestazione

Durante la sesta settimana di gestazione, i cambiamenti ormonali possono portare a sintomi quali nausea mattutina, stanchezza intensa e variazioni dell’umore. Inoltre, è possibile avvertire una maggior frequenza nell’urgenza di urinare e un aumento della sensibilità olfattiva.

Modifiche dell’addome in questa fase gestazionale

Nella sesta settimana, l’addome può iniziare a mostrare lievi cambiamenti visibili. Tuttavia, il gonfiore è tipicamente minimo e l’incremento di volume può essere dovuto principalmente a variazioni a livello intestinale.

Incidenza di eventi abortivi spontanei

Il rischio di aborto spontaneo esiste, ma varia a seconda di diversi fattori, incluso lo stato di salute generale della donna. Le statistiche suggeriscono che il rischio diminuisce significativamente dopo il riconoscimento di un battito cardiaco fetale stabile.

Rilevamento del battito cardiaco fetale

Il battito cardiaco fetale può solitamente essere rilevato attraverso un’ecografia a partire dalla sesta settimana di gravidanza, offrendo una conferma visiva dello sviluppo embrionale.

Corrispondenza in mesi della sesta settimana

La sesta settimana di gravidanza si colloca all’incirca al secondo mese, anche se la conversione da settimane a mesi non è esatta, poiché i mesi variano nella durata.

Calcolo per determinare la sesta settimana

Il calcolo della sesta settimana di gravidanza parte generalmente dal primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale. Si utilizza tale data per stimare la data presumibile del parto e tracciare il decorso della gravidanza a livello medico.

Lascia un commento